A pochi giorni di distanza dall’introduzione dell’invio della posizione tra utenti di Messenger, l’APP di messaggistica di Facebook – qui la notizia sul blog di Roberto Zarriello – su Twitter è stata implementata una funzione simile.

La piattaforma di microblogging, infatti, ha deciso di dare la possibilità ai brand – e solo a loro – di chiedere, tramite i messaggi diretti, ai propri clienti la localizzazione.

In questo modo, ad esempio, l’azienda potrà informare il cliente dove si trova il negozio più vicino per acquistare un suo prodotto o per ripararlo.

È l’utente, comunque, che decide se informare il brand sulla posizione o meno, anche inserendo un indirizzo che non coincide con quello in cui ci si trova.

Per richiedere il servizio, le aziende possono compilare questo modulo.